Otmaro Beti

40 anni
Vive a Somaino Li Taiadi (San Carlo)
Agricoltore, allevatore, alpigiano

Se io fossi una pianta, la Valposchiavo sarebbe le mie radici. Questo territorio è la mia linfa vitale, fonte inesauribile di energia e di ispirazione. Qui sono cresciuto in perfetta sinergia con la natura e allo stesso modo qui cresco i miei tre figli.

Ho avuto occasione di vedere molti posti e paesi, altre realtà che mi hanno ampliato gli orizzonti. Ma il richiamo alle origini è sempre stato più forte e ho sempre fatto ritorno in valle, fino a stabilirmi qui definitivamente per creare la mia famiglia.

Ritengo essere una fortuna poter vivere in Valposchiavo e non nascondo un certo orgoglio nella consapevolezza che attraverso la mia attività partecipo in modo concreto e sostenibile alla tutela di questo angolo di paradiso.

Anche a tavola amo ciò che la tradizione culinaria della Valposchiavo offre, piatti semplici preparati con pochi ingredienti poveri ma sempre nutrienti. Solo così i nostri avi potevano affrontare le fatiche della vita rurale di un tempo neanche troppo lontano.

Nessuna prelibatezza gourmet supera un piatto fumante di Taiadin cun murtadela o salam fait in ca preparati da mia mamma Caterina...

Per scelta, per indole e per professione trascorro la maggior parte del mio tempo all’aria aperta. Sin da bambino adoro il contatto e il lavoro con gli animali dell’azienda agricola. Ricordo con grande piacere quando all’età di 9 anni già accudivo li mei vachi (le mie mucche in pusc’ciavin) al pascolo a Stabluvedru, a quasi 2000 m s.l.m. in prossimità del Passo del Bernina. Forse è questo il motivo per cui questo posto è tuttora uno dei miei preferiti.

Fra l’altro non tutti sanno che proprio qui sono stati ritrovati vari ferri di cavallo e uno sperone di ferro intarsiato d’oro databili al 7°-8° secolo dopo Cristo. Oggetti che confermano che l’antica mulattiera del passo del Bernina fosse già percorsa oltre 1000 anni fa. I reperti sono conservati al Museo Retico di Coira. In più, singoli ritrovamenti casuali di oggetti di pietra comprovano nella regione anche la presenza dell'uomo dell'età della pietra.

Altre storie dalla Valposchiavo

Tracciato per ciaspole a Cavaglia

06 Dicembre 2017

Il percorso è completamente allestito e segnalato. Si estende per quasi 4 km nella zona del pianoro di Cavaglia ed è particolarmente indicato anche per famiglie con bambini.

2 nuove stazioni di ricarica per auto elettriche per Brusio

04 Dicembre 2017

Da Campocologno all’Ospizio Bernina senza più rischiare di restare bloccati con la propria auto elettrica. In Valposchiavo ora è ancora più semplice, grazie all’installazione di due nuove stazioni di ricarica della rete Plug’n Roll sul territorio comunale di Brusio, una presso il Municipio di Brusio e una presso il parcheggio comunale di Campocologno.

Silenzio!

PACCHETTO VACANZA

Con le racchette da neve lontano dal frastuono della città

3 giorni / 2 notti

„100% Valposchiavo“ vince il SVSM-Award 2017

15 Settembre 2017

Il progetto „100% Valposchiavo“ ha vinto nella categoria „Progetti locali“ del SVSM-Award. Nella stessa categoria erano nominati anche la Regione dell’aeroporto di Zurigo e l’Associazione di comuni LuzernPlus. La giuria del SVSM-Award ha deciso di assegnare il riconoscimento al „100% Valposchiavo“ poiché per molti versi a livello di gestione della piazza economica è notevole ed esemplare. 

Stephan Kenneweg-Kamp

08 Settembre 2017

 La Valposchiavo per me è un piccolo mondo a sé, bello come nessun altro posto. 

Valposchiavo – Mosaico di persone

10 Luglio 2017

Dal 22 luglio al 6 agosto 2017 la Galleria Pgi ha ospitato la mostra "Valposchiavo – Mosaico di persone", progetto fotografico di Willy Spiller, artista di livello internazionale che con una serie di scatti ha voluto omaggiare la nostra regione. 

Rimani in contatto con la Valposchiavo!

Valposchiavo Turismo

CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 05 71

E info@valposchiavo.ch

logo unesco de