Mario Crameri

30 anni
Vive a Poschiavo
Cuoco per professione, fotografo per passione

La Valposchiavo è il mio mondo, è la mia casa, è la mia famiglia, è i miei amici. La Valposchiavo mi ha accolto a braccia aperte e nel tempo ho sviluppato un legame sempre più profondo con questa che è diventata la mia terra. Per me è IL LUOGO dove vivere. Amo la sua tranquillità, le sue innumerevoli bellezze, le sue tradizioni e specialmente la sua natura stupenda. Cosa chiedere di più?

Quando il mattino attraverso il borgo per recarmi al lavoro mi fa stare bene salutare le persone che incontro con un bel “bundì” accompagnato da un sorriso. La cosa più piacevole è che sono sempre ricambiato. Siamo così noi valposchiavini, sempre cordiali. A proposito, per chi non lo sapesse, “bundì” vuol dire buongiorno nel nostro dialetto pusc’ciavin.

Ho la fortuna di lavorare presso uno dei ristoranti più caratteristici della valle, ospitato all’interno di Palazzo Massella (1682), direttamente sulla piazza di Poschiavo. Quello da tutti conosciuto come Hôtel Albrici à la Poste si dice essere stato il primo albergo della Valposchiavo, aperto da Pietro Albrici nel 1848. Qui faccio parte della brigata di cucina. Con i miei colleghi facciamo rivivere le tradizioni gastronomiche valposchiavine e diamo spazio alle specialità e ai prodotti della regione.

Nonostante io sia sempre dietro ai fornelli a preparare pietanze deliziose, nessun piatto è più buono dei capunet (gnocchetti di spinaci) preparato da mia mamma.

Faccio il cuoco, ma questo è quello che faccio per vivere. La mia vera passione è la fotografia. Fin da piccolo i miei genitori hanno portato me e i miei fratelli in tutta la valle, insegnandoci ad apprezzare e scoprire molti angoli suggestivi di questo che per me è un pezzetto di paradiso in terra.

Piano piano ho iniziato a fissare le suggestioni di queste escursioni e uscite in ricordi fotografici. Nel tempo la fotografia è diventata un vero e proprio passatempo e in modo autodidatta faccio del mio meglio per sviluppare la mia tecnica. Oltre ai paesaggi naturalistici, di cui fra l’altro la Valposchiavo è molto ricca, amo fotografare anche scorci di vita quotidiana e dettagli incantevoli del borgo di Poschiavo. Spesso fotografo gli stessi motivi durante le diverse stagioni. I cambi di luce e atmosfera mi affascinano molto.

Il Mondo Come Lo Vedo Io.

Personalmente della Valposchiavo non cambierei niente. Tuttavia, temo che i giovani la considerino un posto per seniori. Credo che manchino delle attività e delle infrastrutture al passo con i tempi, capaci di coinvolgere maggiormente le generazioni sotto la soglia dei 40 anni. In tal senso gli sforzi intrapresi nell’ambito della mountainbike sono sicuramente un buon punto di partenza. Avanti così!

Altre storie dalla Valposchiavo

Bike. Bike? Bike!

PACCHETTO VACANZA

Ritorno alle origini della mountain-bike

3 giorni / 2 notti

100% Valposchiavo - La valle del Trenino Rosso UNESCO

PACCHETTO VACANZA

Per scoprire i prodotti della Valposchiavo e visitare St. Moritz

3 giorni / 2 notti

Not Bott - 20 dicembre 2016 - 31 ottobre 2017

18 Dicembre 2016

Curata da Gian Casper Bott e coordinata da Guido Lardi, la mostra presenta ventotto opere scolpite fra il 1970 e il 1996 dall’artista valposchiavino d’adozione.

Tracciato per ciaspole a Cavaglia

16 Novembre 2016

Il percorso è completamente allestito e segnalato. Si estende per quasi 4 km nella zona del pianoro di Cavaglia ed è particolarmente indicato anche per famiglie con bambini.

MILESTONE 2016 - Il progetto «100% Valposchiavo» vince nella categoria «Sostenibilità»

15 Novembre 2016

Nella serata del 15 novembre 2016, al Kursaal di Berna sono stati resi noti i nomi dei vincitori dell’edizione 2016 del «MILESTONE EXCELLENCE IN TOURISM». 

Rimani in contatto con la Valposchiavo!

Valposchiavo Turismo

CH-7742 Poschiavo

T +41 81 844 05 71

E info@valposchiavo.ch

facebook white  twitter white  google plus white  youtube white

logo unesco de