Otmaro Beti

40 anni
Vive a Somaino Li Taiadi (San Carlo)
Agricoltore, allevatore, alpigiano

Se io fossi una pianta, la Valposchiavo sarebbe le mie radici. Questo territorio è la mia linfa vitale, fonte inesauribile di energia e di ispirazione. Qui sono cresciuto in perfetta sinergia con la natura e allo stesso modo qui cresco i miei tre figli.

Ho avuto occasione di vedere molti posti e paesi, altre realtà che mi hanno ampliato gli orizzonti. Ma il richiamo alle origini è sempre stato più forte e ho sempre fatto ritorno in valle, fino a stabilirmi qui definitivamente per creare la mia famiglia.

Ritengo essere una fortuna poter vivere in Valposchiavo e non nascondo un certo orgoglio nella consapevolezza che attraverso la mia attività partecipo in modo concreto e sostenibile alla tutela di questo angolo di paradiso.

Anche a tavola amo ciò che la tradizione culinaria della Valposchiavo offre, piatti semplici preparati con pochi ingredienti poveri ma sempre nutrienti. Solo così i nostri avi potevano affrontare le fatiche della vita rurale di un tempo neanche troppo lontano.

Nessuna prelibatezza gourmet supera un piatto fumante di Taiadin cun murtadela o salam fait in ca preparati da mia mamma Caterina...

Per scelta, per indole e per professione trascorro la maggior parte del mio tempo all’aria aperta. Sin da bambino adoro il contatto e il lavoro con gli animali dell’azienda agricola. Ricordo con grande piacere quando all’età di 9 anni già accudivo li mei vachi (le mie mucche in pusc’ciavin) al pascolo a Stabluvedru, a quasi 2000 m s.l.m. in prossimità del Passo del Bernina. Forse è questo il motivo per cui questo posto è tuttora uno dei miei preferiti.

Fra l’altro non tutti sanno che proprio qui sono stati ritrovati vari ferri di cavallo e uno sperone di ferro intarsiato d’oro databili al 7°-8° secolo dopo Cristo. Oggetti che confermano che l’antica mulattiera del passo del Bernina fosse già percorsa oltre 1000 anni fa. I reperti sono conservati al Museo Retico di Coira. In più, singoli ritrovamenti casuali di oggetti di pietra comprovano nella regione anche la presenza dell'uomo dell'età della pietra.

Tags: Persone

Altre storie dalla Valposchiavo

4a Settimana Valposchiavo Vivabike Trail Care

12 Gennaio 2022

La quarta edizione della settimana Vivabike dedicata alla cura e al ripristino dei trails in Valposchiavo è prevista dal 15 al 20 maggio 2022.

Corso di pittura: Paesaggio invernale ad acquarello

04 Gennaio 2022

Il Museo d'Arte Casa Console propone un corso di acquerello con Gerhard Mangold dal 31 gennaio al 4 febbraio 2022.

Anker, Segantini, Giacometti - Aspetti della collezione Christoph Blocher

04 Gennaio 2022

La mostra organizzata per celebrare il ventesimo anniversario dell’apertura del Museo d’Arte Casa Console, presenta ventitré capolavori a olio, acquerello, pastello, carboncino, inchiostro, matita e gesso della collezione Christoph Blocher.

Coronavirus: Domande e risposte sulle vacanze in Valposchiavo

23 Dicembre 2021

Vivete giorni da sogno in Valposchiavo - come sempre. Ciò che è nuovo sono le regole con cui ci proteggiamo. Qui troverete informazioni sulla situazione attuale e risposte alle domande più importanti sul COVID-19 in Valposchiavo.

Gruyères, Saas-Fee e Valposchiavo premiati come «Best Tourism Villages»

02 Dicembre 2021

L’Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha lanciato un’iniziativa per trovare i migliori borghi turistici del mondo. In quanto membro dell’OMT, la Svizzera ha potuto presentare tre candidature, tutte premiate il 2 dicembre: nessun altro Paese ha avuto così tanto successo.

Poster: Vista invernale da Alp Grüm

21 Novembre 2021

Assicurati subito il tuo poster invernale della Valposchiavo! 

Valposchiavo Turismo

CH-7742 Poschiavo

+41 81 839 00 60
info@valposchiavo.ch

ok GO

logo unesco de 

Utilizzando www.valposchiavo.ch, accetti il nostro uso dei cookie, per una migliore esperienza di navigazione.