Otmaro Beti

40 anni
Vive a Somaino Li Taiadi (San Carlo)
Agricoltore, allevatore, alpigiano

Se io fossi una pianta, la Valposchiavo sarebbe le mie radici. Questo territorio è la mia linfa vitale, fonte inesauribile di energia e di ispirazione. Qui sono cresciuto in perfetta sinergia con la natura e allo stesso modo qui cresco i miei tre figli.

Ho avuto occasione di vedere molti posti e paesi, altre realtà che mi hanno ampliato gli orizzonti. Ma il richiamo alle origini è sempre stato più forte e ho sempre fatto ritorno in valle, fino a stabilirmi qui definitivamente per creare la mia famiglia.

Ritengo essere una fortuna poter vivere in Valposchiavo e non nascondo un certo orgoglio nella consapevolezza che attraverso la mia attività partecipo in modo concreto e sostenibile alla tutela di questo angolo di paradiso.

Anche a tavola amo ciò che la tradizione culinaria della Valposchiavo offre, piatti semplici preparati con pochi ingredienti poveri ma sempre nutrienti. Solo così i nostri avi potevano affrontare le fatiche della vita rurale di un tempo neanche troppo lontano.

Nessuna prelibatezza gourmet supera un piatto fumante di Taiadin cun murtadela o salam fait in ca preparati da mia mamma Caterina...

Per scelta, per indole e per professione trascorro la maggior parte del mio tempo all’aria aperta. Sin da bambino adoro il contatto e il lavoro con gli animali dell’azienda agricola. Ricordo con grande piacere quando all’età di 9 anni già accudivo li mei vachi (le mie mucche in pusc’ciavin) al pascolo a Stabluvedru, a quasi 2000 m s.l.m. in prossimità del Passo del Bernina. Forse è questo il motivo per cui questo posto è tuttora uno dei miei preferiti.

Fra l’altro non tutti sanno che proprio qui sono stati ritrovati vari ferri di cavallo e uno sperone di ferro intarsiato d’oro databili al 7°-8° secolo dopo Cristo. Oggetti che confermano che l’antica mulattiera del passo del Bernina fosse già percorsa oltre 1000 anni fa. I reperti sono conservati al Museo Retico di Coira. In più, singoli ritrovamenti casuali di oggetti di pietra comprovano nella regione anche la presenza dell'uomo dell'età della pietra.

Altre storie dalla Valposchiavo

Nuovo poster turistico della Valposchiavo: Estate a San Romerio

02 Luglio 2020

Nuovo poster turistico della Valposchiavo: Estate a San Romerio

Camera obscura al Passo del Bernina

01 Giugno 2020

All’ultimo piano dell’imponente silo del nuovo punto d’appoggio Bernina è stata allestita una camera oscura. Questa permette ai visitatori di percepire la zona del Bernina in un modo totalmente nuovo e di riflettere sulla percezione.

Afi Sika Kuzeawu - Artista in residenza UNCOOL

29 Maggio 2020

Per il video musicale di "Nubu" l'artista ha scelto un collage di immagini della natura e dei colori della Valposchiavo.

Ecco le nuove magliette Valposchiavo!

06 Maggio 2020

Volete indossare un po’ di Valposchiavo direttamente a casa vostra o siete alla ricerca di un regalo originale per i vostri cari?

Capunet (gnocchetti di spinaci)

04 Maggio 2020

Grandi e piccoli amano questi gnocchetti verdi, il cui colore è dovuto agli spinaci. Vengono conditi con formaggio, burro e aglio. Ogni famiglia valposchiavina ha la sua personale ricetta, tramandata di generazione in generazione.

Rimani in contatto con la Valposchiavo!

Valposchiavo Turismo

CH-7742 Poschiavo

T +41 81 839 00 60

E info@valposchiavo.ch

logo unesco de

Utilizzando www.valposchiavo.ch, accetti il nostro uso dei cookie, per una migliore esperienza di navigazione.