Arianna Nussio

32 anni
Vive a Brusio
Operatrice culturale, di formazione storica dell’arte

La Valposchiavo per me è un luogo di cui ci si innamora, con tutte le gioie e i dolori che un amore comporta. Sospesa fra il sud e il nord delle Alpi, trovo sia unica nella ricchezza culturale ma anche nella varietà del paesaggio e del patrimonio naturale.

Puoi trovarci atmosfere italiane (per l’architettura, la bontà del cibo, la cordialità della gente), quanto situazioni ritenute particolarmente svizzere (cura del paesaggio, precisione, rispetto per la natura).

Io sono nata qui e dopo gli studi universitari ci sono ritornata per scelta, trovandoci una grande qualità di vita, di cui da bambina non ero cosciente.

Gastronomicamente le cose più gustose che mi vengono in mente sono gli spiedini di cervo che i cacciatori di Brusio preparano sul fuoco al «Paneneve» e i pomodori dell’orto della mamma appena colti, conditi con un filo d’olio d’oliva e una qualche foglia di menta.

Fra le mie parole preferite in pusc’ciavin ci sono: sambüc, sampogn e sanglot. Scherzosamente si dice che siano i tre santi patroni della valle. In verità i tre termini significano:

  • sambüc = sambuco (pianta molto diffusa nella regione, ma anche persona poco furba, dato che il legno di sambuco al suo interno ha un midollo tanto morbido, che con il tempo secca)
  • sampogn = campanaccio (di quelli che si mettono al collo degli animali da reddito)
  • sanglot = singhiozzo

V’invito a vedere l’Alta Val dal Saent (Pescia Alta) in autunno, quando i larici sono dorati. All’arrivo del sole o all’ora del tramonto è uno spettacolo impressionante.

Il posto più straordinario di tutti secondo me è però San Romerio. Io ci salgo con una certa regolarità in ogni stagione, e ne torno sempre gratificata e rigenerata. Mi piace andarci quando non c’è gente, magari d’estate all’ora del tramonto, o in autunno inoltrato. Qui natura, cultura e spiritualità creano una miscela particolarmente forte. Difficile descriverlo, San Romerio va vissuto, e per chi non può raggiungerlo, ora c’è il film di Rolf Haller (2014) a darne un convincente ritratto.

Altre storie dalla Valposchiavo

Festival delle erbe spontanee in Valposchiavo

PACCHETTO VACANZA

Venite a trovarci per scoprire i saperi e le qualità delle erbe spontanee. Vi aspettiamo in Valposchiavo!

17-19 maggio 2019

Nuova mostra temporanea al Museo d’Arte Casa Console: Pittori lepontini ticinesi

22 Gennaio 2019

Da Chialiva, Rossi e Franzoni a Sergio Maina
Museo d’Arte Casa Console, Poschiavo
29 gennaio 2019 – 31 ottobre 2019

Taiadin al formaggio dell’alpe

02 Gennaio 2019

I taiadin sono un piatto semplice di pasta fresca preparata in casa. La ricetta base di farina bianca e uova è uguale per tutti, poi ogni famiglia arricchisce il piatto a piacere.

Bike. Bike? Bike!

PACCHETTO VACANZA

Ritorno alle origini della mountain-bike

3 giorni / 2 notti

Il Lago Bianco non può essere aperto ai pattinatori

18 Dicembre 2018

Siccome la coltre di ghiaccio non ha raggiunto lo spessore necessario e le ultime nevicate sono state considerevoli, il progetto «Lago Bianco Valposchiavo – 2234 Ice Paradise» deve essere sospeso.

La trasmissione «Sternstunde Religion» di SRF 1 scopre la spiritualità della Valposchiavo

11 Dicembre 2018

In occasione della terza parte della serie Percorsi spirituali nei Grigioni (Spirituelle Wege im Bündnerland) Norbert Bischofberger percorre a piedi la valle e incorre in numerose testimonianze della sua storia turbolenta, caratterizzata dalla lotta fra le confessioni. La trasmissione andrà in onda domenica 7 ottobre alle ore 10 su SRF 1.

Rimani in contatto con la Valposchiavo!

Valposchiavo Turismo

CH-7742 Poschiavo

T +41 81 839 00 60

E info@valposchiavo.ch

 

logo ecomunicare

logo unesco de

Utilizzando www.valposchiavo.ch, accetti il nostro uso dei cookie, per una migliore esperienza di navigazione.